Millenials e acquisti onine
Millenials e acquisti onine
Tech

I Coupon digitali sono la forma di pagamento preferita dai Millenials

I Millenials hanno rivoluzionato le abitudini di acquisto rispetto alle precedente generazione

Si fa sempre un gran parlare di risparmio al giorno d’oggi. Ebbene, non sono solo gli adulti a capire l’importanza del denaro. Una ricerca indetta da Nielsen, mette a nudo il lato parsimonioso dei millenials. Stando alla ricerca, condotta su giovani di età compresa tra i 18 e i 34 anni,  molti di loro utilizzano regolarmente i coupon digitali.

I dati della ricerca

Secondo lo studio condotto dal Public Regional Research Institute il 48% dei Millennial statunitensi utilizza i coupon, una percentuale maggiore rispetto al 39% degli “X Generation”, ovvero la generazione nata tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta. Il boom è dovuto sia all’esplosione di siti web che utilizzano questo tipo di forma di pagamento, sia all’utilizzo sempre più diffuso degli smartphone. I siti, infatti, si sono fatti sempre più accessibili e le opzioni di sconto sono aumentate a dismisura su ogni genere di prodotto.

 Il 94% dei Millennials ha utilizzato i coupon nel 2017, rispetto all’88% del 2016; Inoltre il 61% dei giovani di questo millennio spende più di due ore alla settimana alla ricerca di buoni e di offerte per risparmiare. Stando ad un’altra ricerca, condotta questa volta da Valassis sono cinque le principali categorie dove i millenials cercano sconti. Si tratta di generi alimentari (93%), cosmetici (69%), abbigliamento (62%), articoli per la casa (60%) e ristoranti (57%).

Boom del settore alimentare

Può apparire strano che al primo posto in questa speciale classifica vi siano i beni alimentari, ma, in realtà, non è così. In America questo tipo di prodotti è ricercatissimo. Sempre secondo la Vassals, i consumatori da questo punto di vista si attendono sempre più innovazioni, primo tra tutti la consegna a domicilio.

LEGGI ANCHE  Turismo e tecnologia, le nuove frontiere delle start up

Un altro fattore interessante da notare è che l’incipit all’acquisto avviene principalmente attraverso i social network, più che dai negozi online. Il 50% dei Millenials cerca “ispirazione” su Facebook e Twitter, mentre il 40% preferisce Instagram e Youtube. I siti web dei rivenditori abituali (36%), i multimarca (28%) e i comparatori di prezzo (26%) rimangono distanti.
Da questi dati emerge come sia fondamentale la presenza attiva dei retailer (ossia, di rivenditori) dell’alimentare su questi canali. Il 49% degli intervistati cerca sui social nuovi marchi e brands, mentre il 48% vuole soprattutto consultare recensioni commerciali o ricevere offerte promozionali.

Il profilo dei Millenials online

Quali sono le caratteristiche d’acquisto del target millenials? Gli appartenenti a questa generazione operano per lo più uno shopping selettivo e sono abituati a conservare i soldi per permettersi qualcosa di costoso. Per i piccoli sfizi si rivolgono a marchi low cost. Da qui deriva la ricerca di coupon e sconti. Altra caratteristica è che acquistano meno frequentemente di altre categorie e che sono sempre connessi in rete, soprattutto via mobile.

La loro ricerca perlopiù di beni di prima necessità, indica un cambiamento di aspettative rispetto a quelle dei loro genitori e nonni. La recessione, la mancanza di opportunità lavorative, hanno cambiato le priorità dei giovani d’oggi. La casa e l’automobile, considerati in precedenza il massimo dell’aspirazione sociale, sono passati in secondo piano nei bisogni della nuova generazione.I giovani d’oggi hanno superato il concetto di “proprietà” per passare a quello di “condivisione”.

 

Categorie
Tech

Commenta

*

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.