Prima Pagina

La Digital Transformation e gli strumenti usati dalle aziende

Si sente parlare sempre più spesso, oggi come oggi, di Digital Transformation, termine con cui non si intende, o non soltanto almeno, l’introduzione e l’immissione delle tecnologie all’avanguardia sul mercato quali strumento di ausilio per il cliente, ma anzi si tratta di un profondo quanto diverso ripensamento del mondo del business. Un approccio manageriale al mondo degli affari e l’introduzione di una nuova mentalità aziendale nell’approccio e nel coinvolgimento di tutti i collaboratori.

Parlando di Digital Transformation ovviamente si entra in un campo specifico sempre in evoluzione a tutto tondo e che sta modificando le modalità e le logiche di lavoro e di impresa. Ad una banalizzazione del significato e del valore del termine, corrisponde l’idea che si tratti di un mero investimento nelle nuove tecnologie. Un esempio, valido in questo caso, può essere fatto pensando a DAZN che, sfruttando le nuove tecnologie, ha portato una ventata di novità nel mondo della trasmissione sportiva. Ma anche Amazon è un esempio valido, essendo uno store completamente aggiornato e in cui è disponibile qualsiasi tipo di merce, consegnabile finanche dopo un solo giorno d’attesa, a qualsiasi orario.

La Digital Transformation si riflette anche negli strumenti tecnologici adottati dalle aziende per la fase di transizione al digitale e il conseguente aumento della competitività. Tra questi può tornare utile Appvizer, un comparatore di software per professionisti. Il database degli applicativi BtoB copre 506 categorie e fa riferimento ad oltre diecimila pacchetti software. Le migliori soluzioni sono offerte da software as a Service (SaaS), che non necessitano di alcuna installazione ma si tratta di soluzioni ospitate nel cloud a cui l’utente si abbona mensilmente o annualmente. Vengono così evitati tutti i problemi di manutenzione, aggiornamento, licenza e si giova delle funzionalità collaborative avanzate. Tutti i tipi di aziende, dalle start-up alle maggiori e più grandi, utilizzano Appvizer, grazie al supporto del software nella trasformazione digitale.

LEGGI ANCHE  I Coupon digitali sono la forma di pagamento preferita dai Millenials

Appvizer è uno strumento totalmente gratuito col quale è possibile scoprire le funzionalità delle diverse applicazioni tramite la creazione di un software. Ogni soluzione ha opinioni e verifiche degli utenti. Dopo aver scelto il software più congeniale alla propria idea, parte una prova gratuita o un tutorial di dimostrazione della soluzione selezionata. Uno strumento oggi imprescindibile per chi vuole trasformare la propria realtà e portarla nel nuovo campo del business.

Il mondo digitale ha completamente spazzato via quello delle attese, delle conferme, delle transizioni. Ed oggi come oggi, è una cosa quotidiana muovere il mondo in un battito di click. E lo stesso vale chiaramente per quanti hanno fatto del business la loro mission di vita. Ma spesso, anche se può sembrare strano, la tecnologia e le sue innovazioni sono sì indispensabili ma non rappresentano il tutto. Il cambiamento organizzativo rappresenta il fondamento della trasformazione del business nel mondo del digitale. Perché significa cambiare la percezione che uno ha del lavoro, prima ancora del modo, pensando al come, più che al quando, valutando i processi e le strategie, evitando i fallimenti. Un’azienda, al passo di svolta, può trovare problemi apparentemente irrisolvibili ma fondamentali e proficui, guidati da dati e opportunità per il business. L’elemento umano rimane, comunque, come accennavamo poc’anzi, fondamentale: prima della tecnologia conta il pensiero. Una tecnologia digitale può essere un’arma in più, ma non darà mai da sola uno slancio al business senza l’ausilio di un pensiero forte, concreto e coerente. La mission di un’azienda, nel complesso mondo della Digital Transformation, resta comunque imprescindibile. Dove andare e come arrivarci, le prime domande a cui rispondere e dare un senso.

LEGGI ANCHE  Gmail compie 15 anni, ma il regalo lo fa Google!

Una macchina, un software, una qualsivoglia nuova tecnologia non porta ad una crescita solitaria: occorre, alle loro spalle, una visione chiara ed una strategia altrettanto limpida. Si tratta di un processo che non toglie spazio all’elemento umano: alla faccia di quanti, ancora oggi, continuano a parlare di depauperamento dell’elemento uomo. Al centro di una svolta digitale c’è anzitutto un processo di comunicazione tra collaboratori, coi quali si parla di quel che l’azienda deve affrontare in un processo di rinnovata cultura di business. Chiaramente diventa inevitabile l’individuazione e la conseguente eliminazione, o miglioramento, dei punti deboli dell’azienda. Pensare a come migliorare, come colmare le lacune. E poi considerare le opportunità, sfruttando sì le tecnologie ma anche i prodotti, i clienti e le partnership: provando a fidelizzare, incrementare, allargare il proprio bacino d’utenza. In questo modo si può tracciare una strategia per una corretta attuazione della Trasformazione Digitale del proprio business. Avere un team quanto più variegato e multifunzionale è comunque un’arma in più per il futuro e lo sviluppo della propria “conversione” digitale.

La Digital Transformation, sempre più importante oggi, ha cominciato ad avere un suo impatto sull’economia negli anni ’90 del secolo scorso, fino a raggiungere l’imprescindibilità che ha oggi, cambiando il trinomio tra produttore-distributore e cliente. Lo si può vedere nella scomparsa, come sopraddetto, di alcuni degli storici riferimenti culturali di un Paese come il nostro fino ad un ventennio fa pieno di negozi di CD, librerie, viaggio e video-noleggio. Tutto totalmente rivoluzionato. È aumentata l’importanza del servizio sì, ma anche il rapporto tra clienti e partner, rispetto al passato. Oggi un potenziale cliente può partecipare attivamente allo sviluppo di prodotti e servizi, influenzando altri consumatori, indirizzandoli all’acquisto. Si è creato una sorta di ecosistema nel mondo del business in cui, lo si ripete a beneficio di dubbio, conta ancor di più il materiale umano rispetto a quello tecnologico che è l’arma in più, ma non la sola.

LEGGI ANCHE  Ecco Wattpad, il social dei lettori

Non è un percorso semplice, anzi tutt’altro.

Categorie
Prima PaginaTech

Commenta

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.